Lo stato Bulgaro fa parte dell'Unione Europea

L’Unione Europea è un organismo politico che opera a livello internazionale ed è situato nel vecchio continente. Dopo la seconda guerra mondiale molti stati decisori di creare un’unione per scongiurare futuri conflitti e per non far rivivere alle generazioni successive l’orrore della guerra.

Dagli anni ’50, i principali stati Europei si sono uniti intorno a un’istituzione che si è evoluta fino ad arrivare a come la conosciamo oggi. Inoltre, i vari trattati internazionali firmati dagli stati europei hanno permesso lo scambio di materie prime, l’abolizione delle frontiere e la libera circolazione di beni, servizi e persone. Questo ha portato una grande crescita economica, portando ricchezza e occupazione nei vari stati.

Inoltre, con la caduta del muro di Berlino, molti ex stati dell’Unione Sovietica hanno iniziato il processo di adesione all’EU e tra questi vi è la Bulgaria. Di fatto, lo stato Bulgaro è membro dell’EU dal 1° gennaio del 2007, ma non beneficia dei vantaggi della moneta unica e dei trattati di Schengen.

La Bulgaria è entrata nell’EU?

Ebbene sì, la Bulgaria fa già parte dell’Unione ma non ha acquisito i vari vantaggi economici della moneta dell’euro e del tratto di Schengen. Quindi, qual è la valuta accettata a Sofia in Bulgaria? In questo stato è ancora in uso la moneta nazionale: il leva. Ha un potere di acquisto inferiore e l’equivalenza con la nostra valuta è di 1 euro per 1,95 leva.

Il maggior potere dell’euro è uno dei motivi per cui c’è molto turismo a Sofia. Infatti, molti turisti scelgono questa meta per passare un fine settimana rilassante. Inoltre, si spende meno rispetto a una classica capitale europa ed è l’opportunità per visitare un paese che fino a due decenni fa era inaccessibile.

A Sofia, i segni del vecchio regime comunista sono ancora visibili. Molti edifici conservano l’architettura tipica dell’epoca ed è possibile ammirarli nella capitale. Palazzi del governo, teatri e edifici pubblici mantengono i segni evidenti dell’epoca sovietica, mescolando il passato e il presente in un’atmosfera particolare.